foto Sono state premiate lo scorso 31 maggio a Bologna le città vincitrici del Giretto d’Italia 2013, campionato della ciclabilità urbana organizzato dalle amministrazioni comunali insieme a Legambiente, FIAB e Città in bici. Nell’edizione di quest’anno erano 23 i comuni in gara, diversi per dimensioni, urbanistica, densità abitativa e dinamiche di traffico. Le tre città che si sono aggiudicate la maglietta rosa per la loro passione per le due ruote sono Bolzano, Schio e Venezia, che si sono viste così  consegnare ognuna una Ricicletta, la city bike in alluminio riciclato del Consorzio Imballaggi Alluminio.

(Nella foto: i due rappresentanti del comune di bolzano con gli organizzatori: Mirko laurenti di Legambiente, Gianni Stefanati di Città in bici e Giulietta pagliaccio di Fiab)

La gara si è svolta monitorando quanti mezzi a pedali e quanti a motore hanno varcato il 10 maggio scorso i check-point allestiti per l’occasione in vari punti dei comuni suddivisi ai fini della classifica in tre categorie: grandi (oltre 200.000 abitanti), medi (tra 80 e 200.000 abitanti) e piccoli (meno di 80.000). Il conteggio, effettuato nell’arco delle quattro ore stabilite, ha permesso di assegnare il ruolo di leader delle tre diverse categorie al centro urbano con la percentuale più alta di utilizzo della bicicletta rispetto al mezzo a motore.

Tra le città piccole, Schio si è aggiudicata la maglietta rosa per il secondo anno consecutivo, con la percentuale straordinaria dell’80,1% degli spostamenti in bicicletta. Per le città grandi la percentuale più alta (33,5%) di mezzi a pedali rispetto quelli a motore è stata raggiunta nella terraferma di Venezia, anche se va ricordato che la città lagunare ha un flusso ciclistico particolare, difficilmente paragonabile con altre città. Bolzano si è aggiudicata invece la vittoria tra le città medie (con una percentuale del 75,1%) ed è in testa nella sua categoria anche in numeri assoluti con il passaggio di ben 3829 bici.

Una sfida quella del Giretto D’Italia che ha un valore soprattutto simbolico e vuole servire come incentivo per le amministrazioni locali a investire sulla sicurezza stradale e su forme alternative di mobilità, più ecologiche e salutari. L’uso della bicicletta è in costante aumento nella penisola come dimostrano i dati di quest’anno. Per la prima volta addirittura il numero di vendite di bici ha superato quello delle automobili e tra le città partecipanti al Giretto la maggior parte dei centri di piccole e medie dimensioni hanno rilevato una percentuale delle due ruote rispetto ai mezzi motorizzati superiore al 50%: un dato che dimostra come in alcune realtà una mobilità alternativa a quella tradizionale sia diventata ormai un’abitudine.  E gli sforzi fatti dalle amministrazioni comunali hanno un ritorno in riduzioni considerevoli del traffico stradale e dell’inquinamento.

Per approfondire e vedere i risultati del Giretto 2013 città per città visita la pagina Fiab dell’evento e il sito di Legambiente.

Print Friendly